VII Giornata di Studio

Roma, 21 marzo 2020

EVENTO CANCELLATO

Dell'arte del Togliere e dell'Aggiungere

Pensiero e tecnica in psicologia clinica e psicoterapia

Locandina 2020.JPG
Scarica la locandina
Comunicazione a
iscritti e soci
(annullamento dell'evento)

Razionale

“Non può non stupire che soltanto una parte assai limitata

dell’amplissima letteratura psicoanalitica sia dedicata

alla tecnica e che ancora minore sia la parte dedicata

alla teoria della tecnica.”

(Otto Fenichel)

Sebbene l’affermazione di Fenichel risalga agli anni ’50 del secolo scorso, essa è ancora oggi in gran parte valida. Naturalmente, ciò non significa che non vi siano stati contributi rilevanti, seppur difformi nella loro logica, a proposito della prassi psicodinamica, basti pensare a Robert Langs (1973-74; 1988), Lester Luborsky (1984), Horacio Etchegoyen (1986), Paul Wachtel (1993), Anthony Bateman e Peter Fonagy (2006), si ha tuttavia la sensazione che tecnica e teoria della tecnica subiscano ancora l’effetto di due atteggiamenti che, seppur antitetici, sembrano però ostacolare una riflessione sulla operatività clinica e psicoterapeutica. Da un lato, c’è chi si concentra infatti sulla teoria e sulla terapia personale quali fattori portanti della formazione e della prassi clinica: in questa prospettiva, la competenza tecnica “discenderebbe” in modo talmente naturale da non richiedere alcun focus specifico. Dall’altro, vi è invece chi enfatizza le competenze tecniche e metodologiche, giungendo a scomporre e operazionalizzare la prassi  trasformandola, in questo modo, in una tecnicalità scissa dal contesto e dalla  relazione in cui si sviluppa l’interazione clinica.

In sostanza, l'arte del togliere e dell'aggiungere, per riprendere l'antica differenziazione tra la scultura e la pittura effettuata da Michelangelo e ripresa metaforicamente da Freud per descrivere il lavoro psicoterapeutico, è tutt'altro che priva di contraddizioni o asperità.  

La VII Giornata di studio della associazione culturale IntegralMente si propone di affrontare la questione della tecnica e della teoria della tecnica psicoterapeutica nella convinzione che le si debba considerare in continuità con i modelli teorici ed epistemologici a cui il terapeuta fa riferimento. A questo si deve aggiungere la necessità di promuovere una costante e consapevole osmosi tra teoria della mente, assetto organizzativo dell’intervento (setting), atteggiamenti del terapeuta e tecnica dell'intervento clinico.

 

Il pensiero clinico e la tecnica sono dunque gli “oggetti” su cui si focalizzeranno le riflessioni proposte nel corso della Giornata di studio, riflessioni in cui le osservazioni sulla teoria e sulla metodologia dell'intervento saranno intrecciate e sostenute da esempi tratti dalla personale esperienza psicoterapeutica dei relatori.

Argomenti e Faculty

Nel corso della Giornata di studio, Angelo R. Pennella (ass. cult. IntegralMente) parlerà dei processi analogici e della loro importanza al fine di organizzare la narrazione del paziente e individuare le sue ricorsività; Andrea Stramaccioni (Scuola di Specializzazione IIRIS) parlerà della natura profondamente reciproca e circolare della tecnica e della teoria della tecnica in psicoterapia strategica; Giovanni Guerra (Università "Sapienza" di Roma) affronterà il tema del colloquio inteso come intreccio di tre diversi "testi" (la storia del paziente, il transfert e la modalità di funzionamento del soggetto); Massimo Grasso (Università "Sapienza" di Roma) esplorerà il ruolo dei processi abduttivi e del paradigma indiziario nell’interazione con il paziente; Barbara Cordella (Università "Sapienza" di Roma) si soffermerà sull’arte del non dire come capacità contenitiva ed elaborativa del clinico; Mario Ardizzone (ASL Roma A) illustrerà la self disclosure come strategia di intervento ma anche come posizionamento del terapeuta nella relazione clinica; Silvia Andreassi (Università "Sapienza" di Roma) affronterà il tema della interpretazione e dei processi di risignificazione dell’esperienza del paziente.

 

Programma

8.30  -  Registrazione dei partecipanti

9.00  -  Apertura dei lavori (Lia Piraino - chair)

9.15  -  L'apprendista stregone: la seduzione della tecnica in psicologia clinica (Angelo R. Pennella)

9.30 - La storia “complessa” della tecnica in psicoterapia: da una teoria della tecnica 

“chiusa” booleana alla complessità “aperta” dei fuzzy set (Andrea Stramaccioni)

10.10 - I testi di una narrazione (Giovanni Guerra)

10.50 - Coffee Break

11.30 - Gli occhiali del professor Johnston. Pensiero abduttivo e paradigma indiziario nel processo clinico: alcune considerazioni sulla “profezia retrospettiva”

(Massimo Grasso)

12.10 - Di palo in frasca: senso e uso dei processi analogici nell'intervento clinico (Angelo R. Pennella)

12.50 - Interventi preordinati

13.00 - Dibattito

13.30 - Conclusione della sessione

13.30/14.30 Pausa pranzo

14.30 - Apertura della sessione pomeridiana (Angelo R. Pennella - chair)

14.45 - Dire e non dire: equilibri ed equilibrismi nel colloquio clinico (Barbara Cordella)

15.25 - Significati e valore della self disclosure (Mario Ardizzone)

16.05 - La dimensione interpretativa e i processi di risignificazione dell'esperienza (Silvia Andreassi)

16.45 - Interventi preordinati

17.00 - Dibattito

17.30 - Chiusura dei lavori

Iscrizione e costi

La quota di partecipazione alla Giornata di Studio (sabato 21 marzo 2020) è di 55 euro (35 euro per soci, specializzandi e studenti) per le iscrizioni che giungono entro il 12 febbraio 2020 e di 75 euro (45 euro per soci, specializzandi e studenti) per quelle che giungono oltre il 12 febbraio

La quota di partecipazione include il kit congressuale e la possibilità di usufruire di uno sconto del 25% sui libri dell'associazione (fino ad esaurimento). 

Per i non soci, l'iscrizione alla Giornata di Studio include anche l'iscrizione alla associazione per l'anno 2020, cosa che consente l'accesso gratuito ai  seminari del sabato e, a  prezzi agevolati, alle supervisioni cliniche di gruppo.

Per partecipare alla Giornata  di Studio è necessario inviare il modulo di iscrizione presente in questa pagina e  versare la quota con bonifico  sul c/c della associazione culturale  IntegralMente (IBAN: IT58C0617503260000000920980) indicando come causale "Giornata 2020".

Sede della Giornata

La giornata di studio si terrà presso il Centro Congressi dell'Hotel "Villa Eur - Parco dei Pini", struttura facilmente raggiungibile e dotata di ampio parcheggio gratuito. Nato negli anni Trenta come “Palazzo dell’Agricoltura e della foresteria”, fu costruito su progetto dell'architetto Brasini in previsione dell’Esposizione Universale del 1942. Si narra che fosse destinato a diventare il mausoleo per la venerazione del fratello di Mussolini. Attualmente, è sede di un moderno e accogliente Hotel.

 

Sarà possibile pranzare presso il ristorante dell'Hotel a prezzi agevolati.

Compila il modulo di iscrizione alla              Giornata di Studio 2020

Associazione Culturale "IntegralMente" - Via imera, 16 (00183 Roma)